Filopemene

Filopemene
Philopoemen David Angers Louvre LP1556.jpg
Filopemene ferito di David d'Angers, Museo del Louvre

Stratego della lega achea
Durata mandato209 - 208 a.C.
193 - 192 a.C.
191 - 190 a.C.
190 - 189 a.C.
189 - 188 a.C.
188 - 187 a.C.
187 - 186 a.C.
183 - 182 a.C.

Filopemene (in greco antico: Φιλοποίμην, Philopòimen, da Φίλος, "amico" e "ποίμην", "pastore", letteralmente "amico dei pastori"; Megalopoli, 253 a.C.Messene, 183 a.C.) è stato un militare greco antico, stratego della lega achea per otto volte.

Combatté a fianco dei Macedoni contro il re di Sparta Cleomene III nella battaglia di Sellasia (222 a.C.)[1] e successivamente vinse il tiranno spartano Macanida a Mantinea (207 a.C.)[2].

Fu un fautore dell'unità del Peloponneso e della sua neutralità nella lunga guerra tra i macedoni e i romani, fino alla vittoria di questi ultimi a Cinocefale (197 a.C.).

Dopo aver combattuto come mercenario a Creta (199 a.C.-193 a.C.), nel 192 a.C. vinse Nabide, successore di Macanida (188 a.C.)[3] e nel 188 a.C. conquistò e sottomise Sparta instaurandovi un regime filo-acheo ed abrogando la legge di Licurgo[4]. Nel tentativo di reprimere tempestivamente la successiva ribellione di Messene alla lega achea, Filopemene fu catturato[5] e, una volta imprigionato[6], fu costretto al suicidio (183 a.C.)[7].

Alla guida della lega achea gli succedette Licorta, il padre dello storico Polibio[8].

Plutarco ci testimonia che Filopemene, per l'ammirazione che suscitarono il suo coraggio e i suoi ideali di unità ed indipendenza, fu chiamato dai Romani "l'ultimo degli Elleni"[9].

En otros idiomas
العربية: فيلوبويمين
български: Филопемен
català: Filopemen
Cymraeg: Philopoemen
Deutsch: Philopoimen
English: Philopoemen
español: Filopemen
فارسی: فیلوپوئمن
suomi: Filopoimen
français: Philopœmen
עברית: פילופוימן
Bahasa Indonesia: Philopoimon
한국어: 필로포이멘
Latina: Philopoemen
Nederlands: Philopoemen
русский: Филопемен
srpskohrvatski / српскохрватски: Filopemen
svenska: Filopoimen
українська: Філопемен
Tiếng Việt: Philopoemen
中文: 菲洛皮門